Istanza guidata patti familiari

MODELLO: Richiesta con modulistica guidata di avvio di procedura di mediazione in materia di patti familiari  (materia obbligatoria)

ScaricaDownload in Formato  PDF

Legge 14 febbraio 2006, n. 55  ha introdotto “Modifiche al codice civile in materia di patto di famiglia.

L’articolo 5 del D. Lgs. 28/201, ha introdotto l’obbligatorietà del procedimento di mediazione dei patti di famiglia.

Cosa è il patto di famiglia?

E’ il contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto delle differenti tipologie societarie, l’imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l’azienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti, (art. 768 bis c.c.).

La legge, pertanto, ha istituto mediante atto pubblico il patto di famiglia, sottratto al divieto dei patti successori previsto per legge.

Chi deve partecipare al patto di famiglia?

  1. Il coniuge e tutti coloro che assumerebbero la qualifica di legittimari se in quel momento si aprisse la successione dell’imprenditore.
  2. Coloro che in forza del patto di famiglia acquistano l’azienda o le partecipazioni societarie che devono liquidare gli altri partecipanti al contratto (salvo rinuncia di questi ultimi) con il pagamento di una somma corrispondente al valore delle quote previste dalla legge in favore dei legittimari.

Quali sono i soggetti potenzialmente interessati ad una conciliazione nei patti di famiglia?

  • i soggetti contraenti intervenuti nel patto di famiglia;
  •  i soggetti partecipanti al contratto sebbene non assegnatari;
  •  i legittimari che non hanno preso parte al contratto;
  •  i legittimari pretermessi;
  •  i loro eredi o aventi causa;
  •  i soggetti non originariamente intervenuti o estranei al contratto.

Quali sono esemplificatamente i problemi che si possono presentare che necessitano di una mediazione in tema di patti di famiglia?

  • Interpretazione relativa alla validità del patto;
  • Controversie relative  alla mancata partecipazione allo stesso dei soggetti richiesti dalla legge,:
  • Problematiche relative allo scioglimento, modifica,  revoca del patto stesso  e  al recesso di alcuni partecipanti

N.B: la conciliazione deve necessariamente riguardare solo diritti disponibili.

Scarica ore il  PDF della istanza ed, una volta compilata, procedi con il  secondo passo per aderire alla mediazione