Collabora

Sei un libero professionista e desideri essere inserito nella struttura dell’organismo di mediazione di Studilegali.it quale mediatore, consulente tecnico, responsabile di sede o provinciale, ovvero responsabile di un sito della mediazione?

Noi siamo in Italia (ma probabilmente nel mondo) il primo organismo “Social “ nato dal gruppo mediatore generalista di Studilegali.it social network.
Crediamo che la fusione delle competenze legali degli avvocati, delle capacità tecniche degli ingegneri, architetti (ecc), delle capacità di psicologi e psicoterapeuti nella comprensione e risoluzione delle conflittualità rappresentano quel valore aggiunto di cui gli utenti potranno usufruire.

Siamo disponibile ed aperti, pertanto, alla collaborazione di tutti.

Se desideri essere un nostro mediatore visita questa sezione  od un nostro consulente tecnico visita questa altra pagina.

Se vuoi aprire una sede decentrata clicca qui.

Se, invece, non sei mediatore e desideri essere uno dei nostri responsabili provinciali scrivici compilano il form sotto indicato.

Iil direttivo valuterà, oltre al tuo curriculum, anche la tua motivazione, la capacità organizzativa ed il tuo spirito imprenditoriale

Se, infine, vuoi essere protagonista in prima persona della diffusione della cultura del diritto anche attraverso la pubblicazione dei tuoi contributi ed essere nominato responsabile di uno dei siti della mediazione del gruppo di Studilegali.it inoltraci la tua richiesta .

Nel caso in cui ti venga affidato la gestione di uno dei siti di Studilegali.it sarà stipulato un contratto di gestione.

La Mission di Studilegali.it, quale organismo di mediazione, consiste nella promozione della cultura della conciliazione da parte di quella parte del social network di Studilegali.it, che crede nella mediazione quale strumento privilegiato di risoluzione alternativa delle controversie.

Siamo consapevoli che alcuni tra di Voi non sono d’accordo ma, in questo caso, vogliamo valorizzare quelli che tra di voi credono nella mediazione quale strumento utile per la risoluzione dei conflitti.

E, comunque, a parte tutto, in molte materie la mediazione è obbligatoria (almeno fino alla pronuncia della corte Costituzionale del 23 Ottobre 2012) per cui è uno strumento che tutti devono, quanto meno, conoscere.

Ti preghiamo di specificare, nell’oggetto del form, quale carica intendi ricoprire nel nostro organico.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Informativa sulla privacy:

Dai il consenso?

captcha